Non si può accettare che tre donne siano violentate e costrette schiave a prostituirsi, non si può accettare che una bambina di 15 anni attraversi un deserto con la sola compagnia della morte, non si può accettare che popoli da un continente ricco come l’Africa arrivino nei paesi del nord per strade di mille ricatti, come non si può accettare che il traffico di esseri umani sia gestito per la maggior parte dalla criminalità e non dalle leggi che gli Stati si sono dati per la tutela e lo sviluppo armonico delle nostre comunità.

Non si può accettare che tre donne siano violentate e costrette schiave a prostituirsi, non si può accettare che una bambina di 15 anni attraversi un deserto con la sola compagnia della morte, non si può accettare che popoli da un continente ricco come l’Africa arrivino nei paesi del nord per strade di mille ricatti, come non si può accettare che il traffico di esseri umani sia gestito per la maggior parte dalla criminalità e non dalle leggi che gli Stati si sono dati per la tutela e lo sviluppo armonico delle nostre comunità.
Tutto questo se non sapremo arginarlo e non sapremo curare il male dove è all’origine come ascolteremo in quest’ultima testimonianza che anticiperà in parte i contenuti della prossima puntata e le contraddizioni che stiamo vivendo potrebbero essere l’origine, come da più parti e con competenza è stato dichiarato, di un terzo conflitto mondiale, non più strisciante ma reale.
C’è chi afferma che l’occupazione dell’Europa è già iniziata, chi decisamente il contrario. Se i numeri non sono giochi di parole, le regole devono essere chiare perché nessuna legge fermerà l’emigrazione se non andremo con coraggio alle origini di questo fenomeno che oggi appare inarrestabile, ma fino a quando?

Be Sociable, Share!
This entry was written by Luca De Mata , posted on venerdì maggio 22 2009at 12:05 am , filed under 2^ puntata, Prostituzione, Questione femminile, Schiavitù, Sfruttamento, Violenza and tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink . Post a comment below or leave a trackback: Trackback URL.

One Response to “Non si può accettare che tre donne siano violentate e costrette schiave a prostituirsi, non si può accettare che una bambina di 15 anni attraversi un deserto con la sola compagnia della morte, non si può accettare che popoli da un continente ricco come l’Africa arrivino nei paesi del nord per strade di mille ricatti, come non si può accettare che il traffico di esseri umani sia gestito per la maggior parte dalla criminalità e non dalle leggi che gli Stati si sono dati per la tutela e lo sviluppo armonico delle nostre comunità.”

  • 0rix2009 ha detto:

    Non si pu0′ accettare, ma poi con la nostra indifferenza accettiamo tutto fino a quando quanto pensiamo di male non ci tocca.

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>