Nel passato, la Cina economicamente non andava tanto bene. Così venni all’estero. Per anni non sono stato bene. Ma ora la famiglia e qui e lavoriamo tutti, paghiamo affitto, acqua. Guadagniamo giusto per mangiare, niente risparmi. Tutto qui. Vorrei tornare in Cina: è sviluppata!

Quasi in chiusura vi propongo delle testimonianze di immigrati cinesi. Di loro si dice di tutto e di più. Siamo stati nel napoletano, luogo per eccellenza di fabbriche, a Roma dove arrivano e si distribuiscono i prodotti all’ingrosso fatti o importati dagli stessi cinesi, ed infine a Londra dove la comunità cinese è una antica realtà storica di integrazione.
Cinese di spalle – Proprietario fabbrica a Terzigno;” Nel passato, la Cina economicamente non andava tanto bene. Così venni all’estero. Per anni non sono stato bene. Ma ora la famiglia e qui e lavoriamo tutti, paghiamo affitto, acqua. Guadagniamo giusto per mangiare, niente risparmi. Tutto qui. Vorrei tornare in Cina: è sviluppata! Ma non ho soldi per tornare a casa. Il lavoro è poco, non guadagniamo molto e quale altra soluzione ho?”

Be Sociable, Share!
This entry was written by Luca De Mata , posted on giovedì maggio 28 2009at 05:05 pm , filed under 4^ puntata, Cina, Immigrazione cinese and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink . Post a comment below or leave a trackback: Trackback URL.

7 Responses to “Nel passato, la Cina economicamente non andava tanto bene. Così venni all’estero. Per anni non sono stato bene. Ma ora la famiglia e qui e lavoriamo tutti, paghiamo affitto, acqua. Guadagniamo giusto per mangiare, niente risparmi. Tutto qui. Vorrei tornare in Cina: è sviluppata!”

  • dopoedopo ha detto:

    Io compro cose cinesi perchè costano di meno, ma so anche che questo significa per noi disoccupazione, ma allora il governo mi faccia avere stipendi più adeguati. Quello che pago su una bancarella di roba cinese per vestre i miei figli in un negozio non ci comprerei un piao di pantaloni.

  • marco ha detto:

    ..è vero la cina è totalmente cambiata rispetto a qualche decennio fa.

  • roberto ha detto:

    L’emigrazione cinese è un problema che nessuno vuol parlarne

  • albertodagiussano ha detto:

    Ecco, ottima idea, tornatene a casa tua! L’italia non ha nessun vantaggio ad accogliere i cinesi che vivono 15 in una casa e comprano da altri cinesi, entri in un loro negozio e ti guardano subito storto. L’avete mai visto un negozio cinese, tutti uguali, tutti che vendono a stessa roba agli stessi prezzi , che senso ha?

  • dandy ha detto:

    Alberto ha ragione! Siete stati mai a piazza Vittorio? 200 negozi cinesi che vendono tutti e stesse cose, entri e manco parlano italiano. Te guardano pe vedè se sei un vigile in borghese, se passi due giorni de seguito trovi tutta gente diversa e non ce ne è uno vecchio, piano piano questi se comprano tutto.

  • Paolo61 ha detto:

    Sto fatto che la cina sia sviluppata avrei qualche perplessità. La cina ha sviluppato un’industria arrangianta ma ultracompetitiva. Mi chiedo spesso dopo questo boom che fine farà la Cina che è un posto dove la mattina ti alzi e la fabbrica dove ti rifornivi di bulloni è fallita e subito ne hanno fatta un’altra che produce mobili con gli stessi macchinari. Ci vuole coraggio a chiamare questo sviluppo.

  • XMAS ha detto:

    Come alla fine di ogni regime comunista esplode la libertà, al differenza tra i russi ed i cinesi e che i cinesi sono lavoratori e che invece i russi pretendono ancora tutto dallo stato.

Lascia un commento

XHTML: You can use these tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>