Ora i clandestini sono sempre di più. L’ambiente è sempre più, diciamo, delicato, ci sono anche altri rifugiati, quindi la condizione è ancora più difficile. Per vivere devi essere forte, oppure fare cose illegali. “

Cinese – (Londra) :” Sono arrivato alla fine del 1960. Era tutto difficile, quasi tutti i cinesi hanno vissuto la mia stessa esperienza. Essendo l’ultimo arrivato, gli altri erano prepotenti con me, come succede ovunque. C’erano tanti cinesi  clandestini illegali.
 Non conoscevano nessuno. Per loro era ancora più difficile trovare un lavoro.
 Ora i clandestini sono sempre di più. L’ambiente è sempre più, diciamo, delicato, ci sono anche altri rifugiati, quindi la condizione è ancora più difficile. Per vivere devi essere forte, oppure fare cose illegali. ”

Be Sociable, Share!
This entry was written by Luca De Mata , posted on giovedì maggio 28 2009at 05:05 pm , filed under 4^ puntata, Immigrazione cinese and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink . Post a comment below or leave a trackback: Trackback URL.

4 Responses to “Ora i clandestini sono sempre di più. L’ambiente è sempre più, diciamo, delicato, ci sono anche altri rifugiati, quindi la condizione è ancora più difficile. Per vivere devi essere forte, oppure fare cose illegali. “”

  1. Mi interessa molto tutta la questione delle nuove schiavitù che stanno oltre che sfruttare in modo orribile tanta povera gente vittime delle grandi organizzazioni criminali tanto che ho creato un blog partendo proprio da questa inchiesta di luca de mata che andrà in onda dal prossimo 22 giugno in seconda serata su Rai Uno. Il mio blog gopia.wordpress.com nelle mie intenzione dovrebbe essere uno spazio aperto a più voci su questo tema che sempre sarà al centro della nostra vita.

  2. Complimenti per questo sito. La clandestinità è un problema che va affrontato da tutti invece viene spesso tralasciato o ignorato.

  3. Deve essere molto difficile andare in un paese straniero totalmente diverso e sapersi integrare.

  4. L’emigrazione è un tema complicato che in questo sito viene sviluppato in maniera approfindita con esperienze di persone che la vivono o l’hanno vissuta. Grazie Luca!

Leave a Reply