Lunedì 20 Luglio quarta puntata ore 23.20 su RaiUno – Per conoscere e dibattere ” LA VALIGIA CON LO SPAGO” inchiesta su i flussi migratori e le nuove schiavitù.

luca de mata © copyright 2009

Giovanissima, disperata, con il volto nascosto, sussurra:” Io..non voglio fare questo lavoro, ma.. sono..costretta.”

Giovanissima, disperata, con il volto nascosto, sussurra:” Io..non voglio fare questo lavoro, ma.. sono..costretta.”

Io ho dovuto lavorare per esempio con il nome di un’altra persona purtroppo questa è l’unica maniera per poter sopravvivere.

io ho dovuto lavorare per esempio con il nome di un’altra persona purtroppo questa è l’unica maniera per poter sopravvivere.

Le migrazioni costituiscono uno dei fenomeni attuali più importanti del nostro tempo e del nostro mondo.

È un peccato che fenomeni come il terrorismo fondamentalista islamico possano condizionare rapporti più fraterni, bisogna tentare.
Nella misura in cui contribuiamo ad elevare il livello di vita dei paesi potenziali di emigrazione ci sarà meno emigrazione verso di noi.

Mi hanno fatto sognare, mentendomi…I clienti, era un continuo venire ed andare…

Dicevano che dovevo pagarmi l’alloggio e il cibo. I clienti, era un continuo venire ed andare. Voglio dire alle ragazze, voi ora siete giovani e belle. Dovete avere rispetto di voi. Non andate all’estero. Favole! la realtà è terribile.

Un bambino, una donna, acquistati per un secondo o per un’ora è devastante. Loro ogni volta sono uccisi e fatti vivere solo per le parti che si vogliono far esistere. Voglie bieche e nascoste. Si annulla una creatura. Tutte queste storie che ho ascoltato sono ancora vita?

Un bambino, una donna, acquistati per un secondo o per un’ora è devastante. Loro ogni volta sono uccisi e fatti vivere solo per le parti che si vogliono far esistere. Voglie bieche e nascoste. Si annulla una creatura. Tutte queste storie che ho ascoltato sono ancora vita?

Molti di loro escono alle quattro del mattino, in questi pullman strapieni, qui sulla Domiziana, per andare, con gli occhi pieni di speranza e di timore, a cercare un lavoro che molto spesso non si trova. So di tante storie di ragazzi finiti anche nella tossicodipendenza, che non hanno mai detto la verità a casa, perché il fallimento di un progetto migratorio è la cosa più brutta che possa esistere nella vita di una persona che ha lasciato tutto, ha venduto tutto quel poco che aveva.

molti di loro escono alle quattro del mattino, in questi pullman strapieni, qui sulla Domiziana, per andare, con gli occhi pieni di speranza e di timore, a cercare un lavoro che molto spesso non si trova. So di tante storie di ragazzi finiti anche nella tossicodipendenza, che non hanno mai detto la verità a casa, perché il fallimento di un progetto migratorio è la cosa più brutta che possa esistere nella vita di una persona che ha lasciato tutto, ha venduto tutto quel poco che aveva.

L’immigrazione evoca tra gli occidentali anche la paura del terrorismo islamico?

Moschea di Piazza Mercato Napoli Italia

Al confine dell’emigrazione delle culture esplodono ancora troppe bombe materiali, troppi suicidi omicidi, troppo sangue, troppo sfruttamento, troppo danaro gira ai confini dell’emigrazione. FINE.

Al confine dell’emigrazione delle culture esplodono ancora troppe bombe materiali, troppi suicidi omicidi, troppo sangue, troppo sfruttamento, troppo danaro gira ai confini dell’emigrazione.