Con noi c’era una signora del Messico. Era pesante. Si stancava di camminare. …Lei ad un certo punto si è lasciata andare ed ha deciso di rimanere lì nel deserto. Senza acqua e cibo…

Abbiamo incontrato un ragazzo 15 anni morto, ma non puoi spaventarti in quelle condizioni. Se lo fai cadi nel panico e muori. Ho pregato Dio per il ragazzo, perché lo perdonasse dei suoi peccati.

Lucrezia ha attraversato questo deserto con i suoi bambini: Jesus e Nora di sette anni. Il coyote che li guidava, dice: “I bambini fanno rallentare. Abbandonali! o va da sola”.Lei non lascia i figli. Continuare? Tornare? è uguale. La distanza la stessa. Continua. E’ morta tra le braccia di Jesus.

Inumano! Inumano! Inumano!
L’1% è delinquenza, il 99% bravi lavoratori. Legalizziamoli. Siamo la stessa razza umana! La domenica, nel canyon, celebriamo la Santa Messa. Vivono lì randagi_nascosti dalla polizia e da chi li odia. Si nascondono; ma poi sono le stesse persone che curano i nostri campi, accudiscono i nostri bambini, costruiscono le nostre case. Vivono li perché sono senza documenti. Si proteggono.
La Santa Messa nel canyon è un segno di vicinanza, perché il Signore ci aiuti a far comprendere l’amore per il vicino. Fratelli e sorelle. Costruiamo ponti di comunicazione, non recinzioni.
Offriamo la Parola del Vangelo!
Avremo un mondo migliore…
Dio vi Benedica”

luca de mata © copyright 2009

Preghiamo! I cuori induriti vengano sciolti.Preghiamo! Le persone capiscono la situazione, si rendano più umani, rispettosi della dignità umana, delle persone che sono in fuga dalla povertà in questi territori di serpenti velenosi, aridi di amore.

Preghiamo vivendo solo una minima parte di quello che succede a questa povera gente,spaventata tra pietre e spine del deserto!
Ogni passo non avrà la forza per tornare indietro. Solo: arrivare, o morire.
Aiutiamoli. La Benedizione del Signore a chi da un bicchiere d’acqua, cibo, cura le ferite ai migranti nel loro cammino.
Non abbiate paura di amare! di pregare il Signore!
Preghiamo! I cuori induriti vengano sciolti.
Preghiamo! Le persone capiscono la situazione, si rendano più umani, rispettosi della dignità umana, delle persone che sono in fuga dalla povertà in questi territori di serpenti velenosi, aridi di amore.